LE IMPRESE SONO ALLA DISPERATA RICERCA DI ESPERTI ICT. Ecco i profili più richiesti

01 - copertina

Quali sono le professioni ICT più richieste dal mercato del lavoro?

 

E’ stata pubblicata la quarta edizione dell’Osservatorio delle Competenze Digitali.

 

Sono 64.000 gli annunci pubblicati in rete nel 2017, numero più che raddoppiato negli ultimi 4 anni, registrando un incremento del +7% rispetto al 2016.

 

E le stime per il triennio 2018-2020 sono ulteriormente ottimistiche: fino a 88.000 nuovi posti di lavoro specializzati in ICT.

 

02 albero delle professioni Ict.png

Gli Sviluppatori guidano la classifica dei ruoli più ricercati, seguiti dai Consulenti ICT.

 

03 le professioni più richoeste.png

Cresce progressivamente anche la quota delle nuove professioni connaturate alla trasformazione digitale:

– Service Development Manager

– Big Data Specialist

– Cyber security Officer

Il gap tra domanda e offerta di specialisti ICT conferma che occorre agire al più presto se si vogliono cogliere tutte le potenzialità del nuovo mercato del lavoro digitale.

Le stime dell’Osservatorio mostrano un fabbisogno di laureati per le aziende che oscilla fra i 12.800 e i 20.500.

L’Università dovrebbe laurearne poco più di 8.500: un gap che arriva dunque al 58%.

Alle aziende ICT serve un mix di competenze digitali e trasversali.

Cosa fare?

I 4 ambiti strategici su cui lavorare per colmare il gap

Per colmare il disallineamento tra domanda e offerta di competenze e professioni ICT, l’Osservatorio propone un sistema di politiche per la formazione e il lavoro delle nuove professioni ICT articolato in 4 ambiti strategici:

 

1) Aumento di laureati e di esperti informatici con competenze avanzate attraverso la fidelizzazione degli studenti ICT e maggiore attrattività per lauree e diplomi superiori ICT.

2) Rinnovamento e qualità dei percorsi di studio ICT.

 

3) Rafforzamento di aggiornamento permanente e riconversione 

 

4) Nuovi modelli di interazione Domanda-Offerta nel mercato del lavoro per le professioni ICT.

Per scaricare il report, clicca QUI

Consulenza & Libere Professioni ICT - Information & Communication Technology

QUANTI LIBRI SI LEGGONO IN ITALIA? Scarica il nuovo rapporto dell’Istat

01.png

L’Istat ha pubblicato il nuovo rapporto sull’editoria libraria in Italia.

Ecco i principali indicatori.

Dei 1.459 editori attivi nel 2017, quasi l’85% pubblica non più di 50 titoli all’anno.

Oltre la metà (54%) sono “piccoli” editori, con un massimo di 10 opere in un anno, e il 31% sono “medi” editori, che producono da 11 a 50 opere in un anno.

 

opere stampate e classe di prezzo

Oltre la metà degli editori attivi ha sede nel Nord del Paese; la città di Milano da sola ospita più di un quarto dei grandi marchi.

Nel 2017 si rileva un netto segnale di ripresa della produzione editoriale.

Rispetto all’anno precedente i titoli pubblicati aumentano del 9,3% e le copie stampate del 14,5%.

La ripresa, tuttavia, sembra aver interessato esclusivamente i grandi marchi (+12,6 per i titoli e +19,2% per le tirature) mentre per i piccoli e ancor più per i medi editori si sono riscontrate flessioni.

Nel 2017, sono il 41,0% le persone di 6 anni e più che hanno letto almeno un libro per motivi non professionali (circa 23 milioni e mezzo).

 

SEI ANNI E PIù.png

 

Questo è il confronto con l’Europa.

editori in Europa.png

L’editoria per ragazzi è in forte crescita rispetto al 2016:

+29,2% le opere e +31,2% le tirature.

L’editoria educativo-scolastica a incrementare di più la produzione, raddoppiando sia i titoli sia il numero di copie stampate.

Le librerie indipendenti e gli store online sono considerati dagli editori i canali di distribuzione su cui puntare per espandere domanda e pubblico dei lettori.

Continua a crescere il mercato digitale: circa 27 mila titoli (oltre il 38% dei libri pubblicati nel 2017) sono disponibili anche in formato e-book; la quota supera il 70% per i libri scolastici.

Per scaricare il report, clicca QUI

Consulenza & Libere Professioni Editoria & Giornalismo

ULTIME NOTIZIE DA LINKEDIN. Arrivano le nuove Pagine Aziendali. Ecco i dettagli

01 - copertina.png

Linkedin ha comunicato importanti novità per gli amministratori di pagine aziendali.

Vediamole insieme.

 

04  pagina aziendale.png

Gli amministratori possono ora pubblicare aggiornamenti e rispondere ai commenti, attraverso l’app mobile per iOS e Android.

 

Gli amministratori possono associare la propria pagina con gli hashtag, in modo che possano ascoltare e rispondere alle conversazioni che si verificano sul loro marchio o ad argomenti pertinenti su LinkedIn.

Finalmente si possono condividere documenti e presentazioni aziendali in PowerPoint, Word e PDF per raccontare storie più ricche e coinvolgenti.

 

Con il nuovo strumento Content Suggestion gli utenti potranno leggere i trend più interessanti.

 

03 - content suggestion.png

Con Pagine Carriera le aziende potranno coinvolgere i potenziali candidati con una scheda Vita e una scheda Lavori.

 

Sarà più facile creare un annuncio di lavoro via smartphone con i Job Alert e visualizzare le candidature.

05  Jobs alert.png

Gli amministratori potranno condividere i post pubblicati su Linkedin dai loro dipendenti.

06  confividi post dei dipendenti.png

Ecco QUI l’annuncio ufficiale delle nuove pagine aziendali

Consulenza & Libere Professioni Social Media, Web Marketing & E-Commerce

IL 2017 E’ STATO UN ANNO STRAORDINARIO PER IL TURISMO ITALIANO. Scarica tutte le statistiche pubblicate dall’Istat

01 - coperina.png

 

Il 2017 è stato un altro anno di notevole crescita del movimento turistico in Italia.

 

Ecco i dati pubblicati ieri dall’Istat.

 

L’Italia è al 4° posto in Europa come destinazione turistica.

 

02 - l'Italia in europa.png

Gli esercizi ricettivi registrano un nuovo massimo storico, dopo quello del 2016, con oltre 420 milioni di presenze (+4,4% rispetto al 2016) e 123 milioni di arrivi (+5,3%).

La crescita è stata superiore a quella media europea.

 

Negli esercizi alberghieri le presenze toccano i 275,1 milioni e gli arrivi 93,8 milioni.

 

In media la permanenza negli alberghi si conferma pari a 2,9 notti per cliente.

 

Negli esercizi extra-alberghieri la permanenza media è di 4,9 notti.

 

04- arrivi e presenze in Italia nel 2017.png

Nel 2017 si stima che i viaggi per vacanze rappresentino l’88% di quelli effettuati dai residenti in Italia negli esercizi ricettivi nazionali (+5,6% sul 2016).

Soltanto il restante 12% è per i viaggi di lavoro (-13,0%).

 

010 - lavoro e vacanza

I congressi sono il primo motivo dei viaggi di lavoro.

 

05 - Motivo del viaggio di lavoro.png

Crescono le prenotazioni dei viaggi effettuate online.

 

06  - modalità con cui si è prenotato il viaggio .png

L’auto rimane il mezzo di trasporto preferito.

 

07 - mezzi di trasporto.png

 

Il 40,6% delle presenze si concentra in 50 comuni italiani.

 

Con quasi 27 milioni di presenze, Roma è la principale destinazione turistica.

 

08 - Le città con il maggior numero di presenze.png

La Germania rimane la nazione leader nel turismo in Italia.

09 - classifica dei turisti stranieri per paese.png

 

Per scaricare il report dell’Istat, clicca QUI

Consulenza & Libere Professioni Turismo

TUTTI I NUMERI DELLA SERIE A DI CALCIO. La Juventus è la squadra più amata e odiata in assoluto. Scarica il report

01 - Copertina.png

Statista ha pubblicato una interessante ricerca sui principali campionati di calcio europei.

 

Le aree di studio indagate:

  1. Conoscenza dei tifosi

  2. Rivolgersi ai tifosi

  3. Coinvolgimento dei tifosi

  4. Monetizzazione dei tifosi

02- tipologia della ricerca

L’analisi si è concentrata sulle squadre di serie A dei campionati di calcio in Italia, Spagna, Francia, Inghilterra, Germania.

 

03- analisi dei 5 campionati

 

Ogni tifoso spende mediamente 715 euro all’anno per coltivare la propria passione.

04 - quanto spende il tifoso

 

La Juventus è la squadra di calcio preferita….

 

 

05 - squadra di serie a preferita.png

….ma anche quella che suscita le maggiori emozioni viscerali di ODIO/AMORE:

 

06- Le squadre più amate e odiate.png

 

La fonte di informazione più utilizzata dai tifosi è la Gazzetta dello Sport.

 

07 Le fonti di informazione più utilizzate dai tifosi.png

 

Il programma TV più seguito dai tifosi rimane 90° minuto sulla RAI.

 

08- Il programma Tv più seguito .png

 

La biglietteria dello stadio rimane il canale preferenziale per l’acquisto dei biglietti.

Crescono i canali di acquisto digitali.

09 - Dove si comprano i biglietti dello stadio.png

 

Per scaricare il report sulla Serie A italiana, clicca QUI

Per scaricare il report completo su tutte le squadre europee, clicca QUI

 

 

Consulenza & Libere Professioni Sport

IL LUSSO CONTINUA A CRESCERE IN TUTTO IL MONDO. Scarica la nuova ricerca pubblicata da AltaGamma

copertina.png

Altagamma ha presentato il Rapporto 2018 dell’Osservatorio.

Il lusso continua a veleggiare sopra le incertezze congiunturali, le guerre dei dazi e le crisi geopolitiche che caratterizzano la situazione internazionale e conferma la sua anti-ciclicità.

Nel 2018 il valore di mercato totale intorno si attesta a poco meno di 1.200 miliardi di Euro, con una crescita del 5% .

01

 

Il comparto del Personal Luxury registra una crescita ancora maggiore, del +6%, per un valore complessivo di 260 miliardi di Euro.

Pur nella solida crescita, il quadro globale è in chiaroscuro.

La Cina, il grande driver della crescita del comparto nell’ultimo decennio, rafforza e aumenta i consumi interni.

03.png

E’ moderata la crescita degli acquisti in Europa, che soffre dei cali di flussi turistici.

In questo contesto, da segnalare il sempre maggiore peso del canale online (10% del totale)e delle nuove generazioni Y e Z, uniche a generare effettiva crescita dei consumi.

Per scaricare il report di Altagamma, clicca QUI

Consulenza & Libere Professioni Fashion & Luxury

IL LAVORO AUTONOMO IN ITALIA. Scarica la ricerca pubblicata dall’Istat

01- copertina.png

L’Istat presenta i principali risultati di un approfondimento tematico sul LAVORO INDIPENDENTE in Italia.

Nel 2017, i lavoratori indipendenti sono stimati in 5 milioni 363 mila, il 23,2% degli occupati,

E’un’incidenza molto più elevata rispetto alla media Ue (15,7%).

02- rapporto dipendenti indipendenti

 

Tra loro il 68,1% è un lavoratore autonomo senza dipendenti (3 milioni 652 mila).

 

Nel 2017 i lavoratori indipendenti si sono ridotti del 10,7% (-642 mila occupati).

 

03 - Liberi professionisti e lavoratori autonomi .png

Il lavoro indipendente presenta profili professionali e livelli di autonomia molto differenti.

Si possono distinguere tre grandi raggruppamenti:

1) Autonomi con dipendenti, cioè datori di lavoro (1 milione 401 mila),

2) Autonomi “puri” senza dipendenti (3 milioni 314 mila)

3) Lavoratori parzialmente autonomi (338 mila).

Tra gli autonomi “puri” senza dipendenti  il segmento maggioritario è rappresentato da:

Lavoratori in proprio 

Liberi professionisti

04 - albero geneologico condizioni per essere definiti autonomi

Comprendono quanti, generalmente in condizione di mono-committenza, presentano alcuni vincoli di subordinazione tra cui:

– Un orario di lavoro stabilito principalmente dal cliente o committente

– Il dover lavorare presso il cliente

– L’impossibilità di assumere dipendenti

– Il mancato possesso degli  strumenti  del  lavoro

– L’essere divenuti indipendenti a seguito di una richiesta di un precedente datore di lavoro.

 

Oggi i lavoratori autonomi vivono una crescente insofferenza.

Ecco le principali motivazioni:

05- difficoltà principali degli autonomi .png

Vorrebbero assumere personale ma le difficoltà del mercato impediscono loro questa scelta.

06 - perchè non assumono

 

 

Per scaricare la ricerca dell’Istat, clicca QUI

Consulenza & Libere Professioni