indagine

Nel settembre 2008, il Parlamento Europeo ha approvato con 504 voti favorevoli la proposta di
abolire la pubblicità sessista e degradante per le donne.
A distanza di sei anni cosa succede in Italia?
Quando la pubblicità rappresenta esseri umani, racconta in modo paritario donne e uomini?
Quali sono le tipologie femminili e maschili più ricorrenti nella narrazione pubblicitaria?
I modelli di riferimento veicolati dal marketing e dalla pubblicità sono paritari o possono penalizzare
un genere?
Quanti milioni di euro si investono in Italia per supportare determinati “caratteri” femminili e maschili?

Per scaricare l’indagine, clicca QUI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...