rapporto

 

“…In cinque anni l’Italia ha perso 230 miliardi di Pil.

Al tempo stesso, nel periodo 2009-2013, le entrate sono crollate di 90 miliardi rispetto alle previsioni.

Ma ciò non ha impedito alla pressione fiscale di crescere di un punto percentuale. Se non sono numeri di guerra poco ci manca.

A diffonderli è stata la Corte dei conti nel Rapporto 2013 sul coordinamento della finanza pubblica.

I magistrati contabili sottolineano anche che la sola austerità non paga e che per ripartire servono stimoli alla crescita (anche in ambito Ue), tagli selettivi alla spesa e una riforma del fisco che lo renda più sopportabile e più equo….”

 

Ecco il link per scaricare il report di 284 pagine:

http://www.corteconti.it/export/sites/portalecdc/_documenti/controllo/sezioni_riunite/sezioni_riunite_in_sede_di_controllo/2013/28_maggio_2013_rapporto_2013_finanza_pubblica.pdf

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...