01- copertina

Iperinformati, infedeli, sapienti combinatori di canali d’acquisto fisici e digitali:

l’identikit del nuovo consumatore nella tanto attesa ripresa.

Il Censis ha pubblicato la nuova ricerca dal titolo:

 

“LO SVILUPPO ITALIANO E IL RUOLO SOCIALE DELLA DISTRIBUZIONE MODERNA ORGANIZZATA”.

Torna a crescere la spesa: ma il consumatore non è più lo stesso.

Ci sono segnali di ripresa.

Nel primo trimestre 2017 i consumi complessivi delle famiglie hanno registrato l’incremento sul trimestre precedente (+1,3%) più alto dal 1999 e l’incremento annuo (+2,6%) più alto dal 2011.

Torna a crescere la spesa, ma il consumatore esce dalla crisi molto cambiato.

Oggi è iperinformato, infedele al punto vendita, scaltro combinatore di canali d’acquisto diversificati, attento non solo al prezzo, amante di consumi salutisti, etici, di pregio.

Unica variante:

la distribuzione moderna organizzata (supermercati, ipermercati, centri commerciali, grandi magazzini e grandi superfici specializzate) resta il luogo d’elezione dove fare la spesa, dall’alimentare all’abbigliamento, dall’arredamento al bricolage e il giardinaggio, la profumeria e la cosmetica.

Il 60,3% degli italiani che si rivolgono alla distribuzione moderna organizzata per fare la spesa alimentare è infedele sia al punto vendita, sia all’insegna della catena: acquista dove più conviene.

02- fedeli e infedeli

La quota di infedeli sale al 74,7% nell’abbigliamento.

03 - i settori in cui ci sono più infedeli

 

Sono 31,7 milioni gli italiani maggiorenni che nell’ultimo anno hanno letto i giudizi sui prodotti nei social network e nei blog per decidere se e cosa acquistare.

Il consumatore diventa esso stesso produttore di informazioni, con 20,4 milioni di italiani (6,2 milioni regolarmente) che hanno pubblicato post su siti web o social network con commenti personali o con il racconto di proprie esperienze relative a prodotti, spese, luoghi della grande distribuzione.

Il nuovo consumatore è un abile utilizzatore sia dei canali informativi tradizionali, sia di quelli digitali.

06 - come ha conosciuto le offerte del punto vendita

 

 

Sono 30,5 milioni gli italiani che nell’ultimo anno hanno visto o verificato un prodotto nei negozi fisici e poi lo hanno acquistato sul web.

010 - acquistare fisico e on line

Sono indicatori di una sapiente combinazione di fisico e virtuale che fa saltare le mura dei punti vendita e potenzia le facoltà individuali di valutazione e scelta.

 

La grande distribuzione accontenta tutti.

Innanzitutto per la convenienza, visto che il 91% degli italiani  ritiene importante poter fare la spesa in questi punti vendita per preservare il proprio tenore di vita.

Il punto vendita del futuro secondo gli italiani.

09 - cosa vogliono trovare in futuro

 

In conclusione:

la stragrande maggioranza degli italiani nutrono fiducia nei punti vendita della Dmo.

 

08 - positivo negativo

Per scaricare la ricerca del Censis, clicca QUI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...